Kipferl alla vaniglia senza latte, uova e burro

  • Pronta in: 2 ore
  • Quantità: 40 biscotti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Tipo: Classico
Vota questa ricetta
(6 Voti)
Kipferl alla vaniglia senza latte uova e burro Kipferl alla vaniglia senza latte uova e burro

Ingredienti:

280 grammi di farina tipo 00
240 grammi di margarina vegetale non idrogenata
120 grammi di mandorle pelate
80 grammi di zucchero
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
zucchero a velo vanigliato per ricoprire

Preparazione:

Con un mixer elettrico tritare le mandorle fino a ridurle in polvere e versarle in una terrina insieme alla farina, allo zucchero e alla vaniglia. In un pentolino (o nel forno a microonde) sciogliere la margarina senza farla friggere e aggiungerla agli altri ingredienti mescolando fino ad ottenere un panetto liscio e piuttosto unto che andrà fatto riposare in frigorifero almeno un'ora.

Accendere il forno statico a 180° e nel frattempo in una spianatoia o su carta da forno infarinata dividere il panetto in quattro parti e stenderle fino ad ottenere quattro rettangoli di circa 20x10 centimetri. A partire dal lato corto, da ciascuno ricavare circa 10 striscioline che andranno leggeremente stondate con le mani e sistemate a forma di ferro di cavallo su una teglia ricoperta di carta da forno.
Cuocere i kipferl per 15 minuti, sfornarli e lasciarli raffreddare su una griglia (appena torti dal forno saranno ancora piuttosto morbidi, maneggiarli con cautela per evitare di romperli).
Una volta freddi, cospargerli di zucchero a velo e servirli accompagnati da un buon tè o, come vuole la tradizione austriaca, da un caldo vin brulé.

Curiosità:

I kipferl sono dei gustosissimi biscotti alle mandorle tipici dell'Austria e vengono preparati, insieme ad altri dolcetti, durante il periodo dell'avvento. Con il nome "kipferl" si indicano anche altre specialità da forno a forma di mezzaluna, alcune anche salate. 

Pare che la famosa ricetta del croissant derivi proprio da questa specialità: i cuochi francesi, dopo il matrimonio tra Luigi XVI e Maria Antonietta d'Austria modificarono la ricetta aggiungendo molto burro e rendendola più soffice. 


Condividi


Autore:

Lascia un commento

Il codice HTML non è permesso.


Trascina le tessere di "puzzle" e ricomponi l'immagine

Il nostro sito, come tutti gli altri, utilizza i cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. Informativa