Crostata di pere al tè senza latte e uova

  • Pronta in: 1 ora e mezza
  • Quantità: 6/8 persone
  • Difficoltà: Media
  • Tipo: Inedito
Vota questa ricetta
(6 Voti)
Crostata di pere al tè senza latte e uova

Ingredienti:

180 grammi di farina
130 grammi di zucchero
90 grammi di fecola di patate
25 grammi di amido di mais
1 grammo di lievito per dolci (la punta di 1 cucchiaino circa)
1 bustina di vanillina
180 millilitri di olio di semi di girasole
3 limoni
3 pere abate grandi
tè earl grey in polvere q.b.
pangrattato q.b.
zucchero di canna q.b.

Preparazione:

Sciogliere l’amido di mais in un pentolino con 80 millilitri di acqua fredda e fare addensare il composto sul fuoco mescolandolo accuratamente finché si sarà formata una crema gelatinosa densa, difficile da mescolare. Far raffreddare leggermente e nel frattempo in una terrina o nella coppa di un’impastatrice mescolare lo zucchero, la farina, la fecola, il lievito, la vanillina e la buccia grattugiata di un limone, quindi aggiungere la gelatina di amido di mais e l’olio di semi. Impastare bene prima con una forchetta (o meglio, con l’impastatrice) e poi con le mani fino ad ottenere una pasta morbidissima e oleosa che tende a disfarsi in mano. Far riposare in frigo per circa 30 minuti.
Mettere sul fuoco una pentola larga (o un tegame) con circa 2 litri di acqua. Nel frattempo tagliare le pere a metà per il verso della lunghezza, sbucciarle e con uno scavino togliere la parte interna con i semi. Quando l’acqua avrà raggiunto il puto di ebollizione, versarvi 6 cucchiani di tè e le pere, lasciandole cuocere per 10 minuti. Ungere e infarinare una teglia per crostate, quindi stendere la pasta con un mattarello tra 2 fogli di carta da forno fino ad ottenere una sfoglia piuttosto sottile (meno di mezzo centimetro) e sistemarla nella teglia lasciando dei bordi piuttosto alti. Versare sulla pasta frolla uno strato sottile di pangrattato e poca polvere di tè, quindi tagliare le pere a fette sottili per il verso della lunghezza e sistemarle a raggiera sulla torta, cospargendole con la buccia grattugiata dei due limoni e con lo zucchero di canna. Cuocere in forno a 180° per circa 30 minuti, finché i bordi della pasta saranno dorati.

Curiosità:

Charlesgrey2Il nome "earl grey", in passato, era dato solo alle miscele di tè nero aromatizzate al bergamotto.
Attualmente, invece, sono chiamate così anche le varietà a base di tè verde, tè bianco e tisane che contengono l'olio dell'agrume. Il tè Earl Grey prende il nome da Charles Grey, II conte Grey, Primo ministro del Regno Unito dal 1830 al 1834, il quale ricevette in dono un tè con olio di bergamotto.


Condividi


Autore:

Lascia un commento

Il codice HTML non è permesso.


Trascina le tessere di "puzzle" e ricomponi l'immagine

Il nostro sito, come tutti gli altri, utilizza i cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. Informativa